Estinguere anticipatamente un prestito? Chiunque ne contragga uno ha diritto all’ estinzione anticipata del finanziamento.

Il finanziamento può riguardare un prestito personale, un mutuo, una cessione del quinto del proprio stipendio o della propria pensione, oppure qualsiasi altra forma di credito.

In ognuno di questi casi la legge consente, al risparmiatore, di estinguere anticipatamente il debito.

Come funziona l’estinzione anticipata di un finanziamento?

Prima di procedere con la pratica di estinzione anticipata del finanziamento, occorre conoscere con precisione l’ammontare del debito residuo.

Come? Richiedendo alla Banca o alla società finanziaria la relativa documentazione.

Il conteggio estintivo è contenuto il un documento che viene rilasciato da qualsiasi ente abbia erogato un prestito.

Esso attesta il totale del debito restante e chiarisce quali sono le modalità con le quali può avvenire il rimborso e la data entro la quale è valido il documento al fine di estinguere in anticipo il prestito.

Una volta ricevuto il calcolo del debito residuo sarà possibile valutare se optare all’estinzione o meno.

Nel caso in cui si opti per l’estinzione anticipata del finanziamento, è fondamentale seguire le indicazioni fornite dalla propria banca. In particolare, sono importanti:

Come si calcola il conteggio estintivo?

Il calcolo del conteggio estintivo segue un iter ben preciso:

  1. Si calcola il debito residuo lordo;
  2. Si moltiplica l’importo di ogni rata per le rate residue;
  3. Si sottraggono dal totale gli elementi come polizza assicurativa, commissioni e interessi per i quali si è usufruito parzialmente nella durata del prestito.

In base al D.P.R. 180/50 Art. 58 il conteggio di estinzione anticipata del finanziamento deve essere inviato entro, e non oltre, 10 giorni lavorativi dalla ricezione della richiesta.

Nel caso in cui si voglia procedere al calcolo del debito residuo attraverso dei tool, il procedimento è rapido e molto semplice:

  1. Si inserisce la rata mensile del prestito;
  2. Si indica il tasso di interesse del proprio prestito;
  3. Si dichiara il numero di rate che devono ancora essere pagate.

Conteggio estintivo Cessione del Quinto

Vediamo, ora, il caso specifico del conteggio estintivo riguardante la Cessione del quinto del proprio stipendio o della propria pensione o un prestito delega.

In questo caso, la pratica seguita sarà la seguente: non appena la banca o la società creditizia riceverà la somma dal proprio cliente, l’ente provvederà immediatamente all’estinzione del debito.

Lo stesso ente, rilascerà, poi, immediatamente una liberatoria che attesterà il ricevuto pagamento. Il medesimo documento verrà anche inviato al datore di lavoro.

Estinzione anticipata del finanziamento e rimborso Quote Cessione del Quinto

Quando parla di conteggio estintivo, una delle voci a cui prestare particolare attenzione è quella riferita al rimborso quote.

Si tratta di rate del prestito che sono state trattenute dalla busta paga o dalla pensione. Ciò vuol dire che al cliente risultano già pagate, ma non sono ancora state incassate dalla banca o società finanziaria.

A scopo cautelativo, queste quote vengono trattenute ulteriormente, fino a quando non verranno effettivamente incassate.

Una volta avvenuta la contabilizzazione delle rate è possibile richiedere un rimborso quote cessione del quinto.

Scopri se anche tu hai diritto a un rimborso. Contatta gratuitamente e senza impegno RDQ!

Seguici su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *